• La Cattedrale di Reggio Calabria

  • La Cattedrale di Catanzaro

  • La Cattedrale di Cosenza

  • La Cattedrale di Mileto

  • LA Basilica di San Pietro (Roma)

Copyright 2016 - Trading template - TRIBUNALE ECCLESIASTICO REGIONALE CALABRO

Depliant CongressoASCAISi terrà ad Udine, presso il Centro culturale Paolino D'Aquileia, dal 5 all'8 settembre 2016 il XLVIII Congresso nazionale dell'ASCAI sul tema "La riforma del processo matrimoniale ad un anno dal Motu Proprio Mitis Iudex Dominus Iesus".

Tra i relatori il cardinale Francesco Coccopalmerio (Presidente del Pontificio consiglio per i testi legislativi), il prof. Markus Graulich (Sottosegretario del Pontificio consiglio per i testi legislativi), il prof. Massimo Del Pozzo (Pontificia Università della Santa Croce), il prof. Hector Franceschi (Pontificia Università della Santa Croce), la prof.ssa Elena Di Bernardo (Pontificia Università Lateranense), il prof. Paolo Moneta (Università di Pisa).

Le sessioni di lavoro termineranno giovedì 8 settembre con gli interventi dei Vicari Giudiziali dei Ter regionali sul tema "L'attuazione del Motu Proprio nell'esperienza dei Tribunali Ecclesiastici".

Clicca qui per scaricare la brochure

depliant caggdc16Dal 19 al 23 settembre 2016, su iniziativa della Facoltà di Diritto Canonico, avrà luogo il VI Corso di aggiornamento in Diritto matrimoniale e processuale canonico, dedicato alla formazione permanente degli operatori dei Tribunali Ecclesiastici.

La sesta edizione del Corso di aggiornamento mira ad informare i ministri e i professionisti dei fori ecclesiastici di tutto il mondo circa i principali sviluppi normativi, dottrinali e giurisprudenziali – in particolare, i Motu Proprio Mitis Iudex Dominus Iesus e Mitis et Misericors Iesus – intervenuti negli ultimi anni relativi al processo di dichiarazione della nullità del matrimonio e ad altri rilevanti settori d’attività dei tribunali.

La metodologia seguita è teorico-pratica e si prefigge di coniugare l’esposizione scientifica delle novità canonistiche e dei capi di nullità, che spesso si presentano in modo problematico nei tribunali ecclesiastici, con l’individuazione, l’esame e la discussione di casi pratici, previamente sottoposti a tutti i partecipanti.

processo canonico papa Francesco

Il procedimento per la declaratoria di nullità matrimoniale ha numerose peculiarità rispetto a cause analoghe trattate innanzi ad altri Tribunali.

La principale è quella per cui non è possibile dare inizio ad un processo di nullità matrimoniale se non si riscontra la possibilità concreta che, quanto asserito da chi chiede di accertare la validità del proprio matrimonio (definita parte attrice), abbia un fondamento giuridico (c.d. fumus boni iuris – parvenza di buon diritto). La presenza del fumus è una condizione indispensabile, senza la quale non è possibile dare inizio ad un procedimento di nullità matrimoniale.

L’esistenza del fumus viene verificata per ben due volte all’inizio della pratica, al momento del primo incontro con un avvocato (definito consulenza) e in occasione dell’ammissione del ricorso introduttivo della causa (definito libello) da parte del Preside del Collegio giudicante.